Shiatsu, il contatto come forma di comunicazione

vis Fisieo volontariato shiatsu
Shiatsu e menopausa farmacologica, i volontari VIS FISieo a Roma
15 marzo 2017
RobertaFreddaraProject
La sindrome del “burn-out” e lo Shiatsu
2 aprile 2017
GianfrFerraroProject

Lo Shiatsu ha un impatto positivo sull’utente, sull’operatore, e come dimostra l’attività della ONLUS VIS FISIEO, ha anche un impatto sociale molto importante.

L’attività che gli operatori qualificati provvedono gratuitamente con le varie iniziative, supporta categorie specifiche di persone con particolari difficoltà. E la ricompensa per il lavoro volontario non è “solamente” il piacere di avere un impatto positivo sulla società, ma anche la possibilità di aiutare a diffondere la conoscenza delle pratiche tipiche dello Shiatsu e della Medicina Tradizionale Cinese.

Ad essere accurati, le attività della Vis Fisieo, hanno come effetto “collaterale” anche quello di offrire una importante opportunità di studio ed osservazione utile a tutti gli operatori olistici. Perchè  il concetto di olistico deve tenere conto anche di peculiarità legate al luogo, al momento e alla cultura della gente a cui si applica. E lo studio di casistiche specifiche offre molti spunti in quest’ambito.

Quest’anno la Vis Fisieo ha programmato diversi progetti interessanti, con l’ambizione non solo di avere un impatto positivo, ma anche di crescere umanamente e professionalmente.
Il progetto di   Gianfranco Ferraro a Foligno (PG) in collaboranione con il  Comune di Foligno e la scuola “G. Carducci” si occupa di comunicazione empatica.

“Lo shiatsu permette di intervenire a sostegno delle persone ed in particolar modo dei bambini che accusano disturbi e compromissione degli aspetti relazionali non verbali su base corporea, come altre esperienze hanno dimostrato. Lo shiatsu si attua attraverso una significativa relazione empatica, diventa una mano rispettosa, che sa comunicare empatia toccando, che conferma al bambino che si ha cura di lui.”

Il progetto offre una rispettosa relazione di qualità, basata sull’ascolto non valutativo e l’obiettivo finale è quello di utilizzare il contatto per migliorare la comunicazione e agevolare l’inserimento nell’ambito del sociale, dei ragazzi con questa condizione.

Altri Operatori:
Sciaboletta Antonella, Billarelli Marta
Cricco Maria Pia, Kutzer Antje
Binarelli Daniele, Brogli Valentina
Milli Nadia, Carletti Sandra
Angelucci Gianluca, Alessi Silvia
Nardi Carla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *