Shiatsu e fantasia, a scuola si impara a volare

Convegno 2017 2
Il nuovo direttivo della VIS FISieo vuole avere un alto impatto sociale
10 maggio 2017
P_20180312_074735
Al liceo si impara la consapevolezza con il Self-Shiatsu
21 marzo 2018
Shiatsu Bimbi VIs

I bambini non sono immuni allo stress, quel fantasma che sembra quasi caratterizzare la vita degli adulti. E gli adulti, dando per scontato che l’infanzia sia quel periodo franco, spesso aggravano i bambini con aspettative, limitazioni e obblighi, senza rendersi conto del carico emozionale che stanno generando.

I bambini a scuola vivono sotto costanti stimoli, richiami e rischi di fallimenti, questo spesso li disorienta e li spaventa, e noi adulti che siamo impegnati nella vita “vera”, rischiamo di non accorgerci di quanto questo stress rappresenti un rischio per la serenità del bambino e quindi per la sua crescita.

Ci sono studi autorevoli che lo dicono da anni: i bambini sono sottoposti ad un carico enorme di stress; e ci sono studi altrettanto autorevoli che provano che quando si introduce nella didattica scolastica la meditazione, lo yoga ed altre pratiche olistiche le cose vanno parecchio meglio per i piccoli.

Anche lo Shiatsu è entrato nelle scuole, ci sono progetti pilota che vanno avanti ormai da anni e che raccontano risultati notevoli, non soltanto sul piano del rendimento scolastico.

I bambini che praticano lo shiatsu imparano a gestire le relazioni in maniera diversa, imparano ad ascoltare, a vivere le emozioni e gli stimoli in maniera meno stressante.

I bambini con lo shiatsu imparano a “volare”, imparano a seguire il flusso delle proprie emozioni insieme a quelle dei compagni, arrivano a prendere una maggiore consapevolezza da subito e si sentono meno schiacciati dal peso delle responsabilità che il mondo infligge loro senza pensarci due volte.

La VIS FISieo e i suoi volontari sono impegnati in questa direzione da anni con l’iniziativa di Antonio Santoro, operatore Shiatsu professionista, il quale ha iniziato nel 2014 con un progetto pilota che è subito stato accolto con entusiasmo sia dagli insegnanti che dai ragazzini, tanto che si è ripetuto e consolidato ogni anno da allora.

Il progetto è iniziato con una serie di 10-12 incontri durante l’anno scolastico all’interno di una classe 3^ della scuola primaria Sant’Alessandro di Caronno, a Pertusella (VA), e visto l’entusiasmo e la richiesta del corpo insegnanti, presto si è esteso anche alla scuola primaria Salvo D’Acquisto di Rho (MI).

L’obiettivo è quello di integrare la pratica dello Shiatsu nella vita quotidiana, insegnare ai bambini che lo Shiatsu è una disciplina da condividere con gli altri, e che “prendersi cura” di un’altra persona in modo consapevole fa stare bene entrambe.

Lo scopo principale dell’esperienza proposta è quello di aiutare i bambini a gestire i loro stati di ansia, l’eccessiva tensione che spesso sfocia in irritabilità, impulsività ed eccessivo dinamismo. La strategia è quella di guidarli alla ricerca del benessere fisico e mentale, a migliorare la propriocezione, permettendogli di acquisire una maggiore indipendenza e la capacità di prendersi cura dei propri compagni.

La struttura è molto semplice: durante l’orario scolastico si organizzano laboratori di Shiatsu della durata di un’ora e mezza, nei quali i bambini imparano a fare trattamenti Shiatsu sui compagni.

Vengono proposti, a completamento, brevi momenti di “teoria”, fasi di rilassamento ed esercizi di propriocezione.

Insieme ad Antonio Santoro ci sono già molti volontari operatori professionisti, come Luciana Semeraro che coordina il progetto per VIS FISieo, Giuseppina Agostino e lo stesso Renato Zaffina presidente della VIS. Il progetto, come sottolinea il suo stesso ideatore, è aperto anche agli altri operatori professionisti che vogliano replicarlo nelle loro sedi o che vogliano collaborare nelle sedi dove gli interventi sono già stati pianificati.

I bambini sono il fiore di una pianta speciale che è il genere umano stesso e aiutarli a sbocciare aiuterà certamente a mettere le basi per un futuro migliore. I volontari della VIS FISieo sentono forte l’imperativo di aiutarli a spiccare il volo, lo fanno per passione, per crescita professionale, per motivi personali. Comunque lo facciano, lo fanno sempre con il cuore e con le poche risorse a disposizione.

Se vuoi aiutare anche tu, mettiti in prima fila e dona il tuo tempo, oppure dona il tuo 5/mille all’associazione ONLUS VIS FISieo e invita altri a farlo. Basta inserire il codice fiscale 97757180589 nella tua dichiarazione dei redditi.

Fai sentire che ci sei!

Seguici anche su Facebook www.facebook.com/VISFISieo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *